Lesioni pigmentate mucosa orale

Lesioni pigmentate possono essere localizzate in qualsiasi sede: cute e mucosa. Naturalmente il pigmento si “adeguerà” a quelle che sono le caratteristiche anatomiche della sede in questione. L’abilità del dermatologo dovrà essere quella di riconoscere il benigno e il maligno in queste sedi così diverse dagli standard di riferimento.
Ancora più complicata è la diagnostica delle lesioni delle mucose dove la povertà di elementi semeiologici dermoscopici non aiuta molto a caratterizzarle. Inoltre c’è un approccio difficoltoso, sia psicologico (genitali) sia di spazi (orale). Per queste lesioni (ma anche per quelle oculari) si preferiscono dermatoscopi non a contatto. Le lesioni pigmentate del cavo orale e delle labbra le patologie sono più diverse e presenti nel 5,7% della popolazione: melanosi, efelidi, Peutz Jeghers, tatuaggi da amalgama, pigmentazioni raziali e da farmaci, nevi, melanomi, piccoli stravasi emorragici, angiomi …
Dermoscopicamente le lesioni melanocitarie si caratterizzano con pigmentazione di fondo, pigmentazione disomogenea e linee pigmentate parallele. In questo contesto così aspecifico possono essere presenti altri elementi demoscopici caratteristici della cute (strie, globuli, reticolo, …..). Il melanoma del cavo orale rappresenta l’1% di tutti i melanomi e quello della lingua circa il 2% di tutti i melanomi del cavo orale.

Riccardo Bono

Riccardo Bono

Specialista in dermatologia, si occupa di laser, chirurgia dermatologica, dermatologia oncologica ed epiluminescenza. Riccardo Bono svolge le proprie attività in Roma.

Torna su